Consigli vacanza a Zanzibar

Pensi a Zanzibar e nella mente ti passano immagini di lunghe spiagge bianche, di palme e di un mare trasparente.

Un luogo lontano, tropicale, in cui perdersi e rilassarsi. Un viaggio a Zanzibar è un sogno per molti, un paradiso a poche ore di volo dall’Italia.

Scopriamo meglio insieme questa meravigliosa terra, con tanti consigli per una vacanza a Zanzibar.

Dov’è Zanzibar?

Tutti noi identifichiamo Zanzibar con l’isola principale Unguja. In realtà Zanzibar è un arcipelago formato da 2 isole maggiori, Unguja la più grande e turistica, Pemba e da una cinquantina di isolotti più piccoli.

Zanzibar si trova di fronte le coste della Tanzania, di cui fa parte, pur mantenendo una certa libertà grazie al suo governo ed al suo parlamento, pochi gradi a sud dell’equatore.

La città principale è Zanzibar City che è costituita da due zone:

  • Stone Town cuore antico della capitale
  • Ng’ambo la parte più moderna della città.

Stone Town

Ex capitale del Sultano è la città più importante di Zanzibar.

Il suo mercato è un concentrato di profumi e colori, con una cura dell’esposizione che colpisce subito. Non è facile passeggiare nei vicoli del mercato, soprattutto in quello del pesce e della carne, sia per l’odore non adatto a tutti, sia per il numero di persone presenti.

Certamente è particolare e totalmente diverso da un mercato in Italia.

L’architettura della città, in stile coloniale è una delizia per gli occhi. Un mix di elementi arabi, persiani , indiani ed europei.

Non sorprende che nel 2000 la città sia stata dichiarata patrimonio mondiale dell’umanità dall’UNESCO.

Oltre alle spiagge e ad una vacanza di sole e mare potrai esplorare la cultura Swahili con un tour per Stone Town.

Scopri la capitale di Unguja in questo articolo.

Destinazioni principali a Zanzibar

  • Nungwi a nord, centro principale di costruzione dei dhow, la barca tipica di Zanzibar
  • Jambiani meta prediletta per gli amanti del surf e kyte-surf
  • Paje famosa per la coltivazione di alghe rosse
  • Kendwa dove ammirare la barriera corallina
  • Jozani Chwaka Bay parco nazionale protetto, casa del colobo rosso di Zanzibar
  • Kiwengwa tra le destinazioni più belle per un viaggio a Zanzibar

Trova l’hotel per la tua vacanza tra le nostre proposte.

Pemba

Chiamata anche “Isola Verde” Pemba è la seconda isola per grandezza dell’arcipelago di Zanzibar. Dista poco più di 50 km da Unguja. Qui la natura la fa da padrona. E’ infatti una delle due isole delle spezie, l’altra è l’isola di Mafia o Chole Samba.

A Pemba le coltivazioni sono numerose, in particolar modo quelle dei chiodi di garofano.

Ma l’isola è famosa anche per il suo pesce, su tutti il Marlin ed il pesce spada. Non è affatto difficile imbattersi in pescatori e il loro carico, durante una passeggiata in spiaggia.

Più selvaggia e meno turistica dell’isola principale di Zanzibar, Pemba ha molto da offrire ai visitatori che amano la natura, e che soprattutto non cercano le classiche vacanze all-inclusive. Sono molti gli isolotti nelle vicinanze in cui poter fare escursioni e sentirsi per qualche ora il nuovo Robinson Crusoe.

Spiagge a Zanzibar

Se decidi di partire per un viaggio a Zanzibar, sicuramente le spiagge sono uno dei punti a favore per scegliere questa destinazione.

Immagina una lunga, infinita all’occhio distesa di sabbia bianca. Ora apri gli occhi, e perditi nella vastità delle spettacolari spiagge di Zanzibar. Gli incontri che, grazie alle maree, potrai fare in queste oasi sono assolutamente unici. Tra piccoli granchi e numerose conchiglie, qui tutto riesce ad emozionarti.

Dalle meravigliose spiagge di Kiwengwa, passando per Mnemba, per arrivare a Nungwi, non c’è un luogo più bello dell’altro. Le spiagge sono numerose e spettacolari.

Le spiagge a Pemba sono meno affollate rispetto a Unguja. Questo anche perchè a Pemba il turismo è meno presente rispetto all’isola maggiore. La natura è sicuramente più padrona del territorio, sono molte infatti le zone selvagge in cui il turismo ancora non ha messo radici.

Prenota il tuo tour, abbiamo scelto per te le migliori attrazioni a Zanzibar.

Beach Boys

Sulle spiagge potrai anche incontrare i famosi “Beach Boys”. Non mi riferisco alla famosa band, ma a dei simpatici ragazzi che più o meno popolano le spiagge.

Chi vorrà proporti un tour, chi invece vorrà venderti un souvenir. So perfettamente che per alcuni potrebbe essere fastidioso, tuttavia ci tengo a dirti che sono del tutto innocui, e super tranquilli.

Si magari i modi sono a volte sopra le righe, ma ricorda che questi ragazzi sono lì per vivere, per lavorare.

Un semplice no può bastare se non vuoi le loro offerte.

Prima di prenotare un’escursione con i beach boys andrebbero sempre verificati i documenti dei ragazzi.

Per praticare le escursioni infatti, bisogna avere il permesso come guida rilasciato dallo stato.

Documenti per visitare Zanzibar

Per viaggiare a Zanzibar hai bisogno dei seguenti documenti:

  • Passaporto con almeno 6 mesi residui di validità nel momento di ingresso nel paese.
  • Visto valido.
  • Vaccinazione contro la febbre gialla se il viaggio prevede soste superiori alle 12 ore in Etiopia o Kenya.

Per quanto riguarda il visto è possibile, anche se sconsigliato, richiederlo all’arrivo in aeroporto, per saperne di più leggi la nostra guida qui.

Il costo del visto è di 50$, e se viaggi tramite agenzia ( volo charter) dovrai pagare una tassa di uscita tra i 40 e 50$.

Nei pacchetti di viaggio spesso il costo del visto è già inserito nel totale da pagare. Informati sempre per sicurezza.

I tempi di rilascio del visto sono di circa 3-5 giorni, ma valuta di farlo con più anticipo in modo da evitare spiacevoli ritardi.

Pagamenti a Zanzibar

Per i tuoi pagamenti a Zanzibar hai diverse soluzioni:

  • Scellino tanzaniano (TZS)
  • Dollaro Statunitense ($)
  • Euro
  • Carta di credito

Il cambio valuta è molto semplice, 1 euro equivale a 2500 scellini tanzaniani ( 2594.42 per l’esattezza). Il consiglio è di cambiare euro in scellini e pagare sempre con la moneta locale per evitare di perderci nel cambio.

Certificati e vaccinazioni

Nessuna vaccinazione è obbligatoria per viaggiare a Zanzibar. Solo se il viaggio prevede tour o vacanze in Etiopia e Kenya avrai bisogno di vaccinarti contro la febbre gialla. In tutte le altre ipotesi, non c’è alcun obbligo di vaccinarsi.

Considera che a Zanzibar le zanzare possono essere fastidiose, raramente pericolose ad eccezione delle zone più interne e povere. Munirsi di un buon repellente è la soluzione ideale e più pratica.

Puoi leggere di più nella nostra guida sulle vaccinazioni a Zanzibar.

Religione

La maggioranza della popolazione di Zanzibar è musulmana. Nell’arcipelago convivono senza problemi diverse culture e religioni, anche grazie al turismo.

Fuso orario

Il Fuso orario di Zanzibar è di +2 ore rispetto all’Italia, mentre è di +1 ora quando in Italia entra in vigore l’ora legale in quanto a Zanzibar non si cambia mai l’ora.

Consigli per il tuo viaggio a Zanzibar

Un ultimo consiglio riguarda le bevande.

L’acqua non sempre è potabile in alcune zone, evita pertanto di bere bevande non sigillate o con ghiaccio o acqua di cui non sai la provenienza. Non ci sono grossi pericoli se non un gran mal di pancia, ma perchè rovinarsi la vacanza a Zanzibar?

Riepilogo

Goditi il tuo viaggio, sei in uno dei paesi più meravigliosi al mondo.

Ti stupirà la gentilezza e l’ospitalità che riceverai, i sorrisi dei bambini e la tranquillità di questa terra. Ricorda però che sei in un paese musulmano, cerca di portare rispetto nell’abbigliamento. Soprattutto nei tour e nelle passeggiate lontane dal mare, evita costumi succinti, il topless e scambi di effusioni con il tuo partner.

Chiedi sempre il permesso prima di fotografare le persone e non fare foto alla polizia, mai.

A Zanzibar la povertà è molto diffusa, non girare con cose di valore per voler apparire, potresti solamente attirare su di te i malintenzionati. La criminalità non è assolutamente un problema, ma qualche raro caso di rapina c’è stato, così come in tutto il mondo.

Bambini

Un ultima cosa, questo è più un messaggio che parte dal cuore.

Ci sono molte associazioni che operano a Zanzibar, ognuna con un proprio obiettivo, ma in fondo tutti puntano a portare aiuto concreto a chi ne ha più bisogno.

Online e su Facebook trovi molte associazioni e ci sentiamo di consigliarti una in particolare che cura un asilo a Zanzibar:

Sulla rispettiva pagina potrai vedere di cosa hanno bisogno i bimbi e come aiutarli, anche con piccoli doni durante la tua vacanza.

Buon viaggio a Zanzibar! Unakaribishwa!